Il primo distributore automatico della storia

E’ il tuo amico più fidato sul posto di lavoro, colui che ti da la spinta giusta la mattina con il suo caffè, colui che quando dimentichi il pranzo è lì pronto a salvarti la giornata, colui che quando hai una voglia improvvisa di dolce o salato ti porge la sua mano. No, non stiamo parlando del tuo collega di scrivania ma del distributore automatico!

Lo sapevi che il tuo fidato amico ha circa 135 anni? Tutto nasce casualmente nel 1884 dalla mente geniale di William Henry Fruen, un operaio britannico trapiantato in Minneapolis. Il giovane William inizia la sua carriera come operaio della Boston Screw Company, un’azienda produttrice di viti. Divenuto in seguito azionista dell’azienda, decise di cambiare aria successivamente all’acquisizione della compagnia da parte dell’American Screw Company. Fruen fece fortuna in seguito alla tragica esplosione di una fabbrica di farina con lo sviluppo di sistemi di sicurezza per macchine ed operai.

L’inglese però non aveva solo una passione per le macchine industriali: nel tempo libero si dedicava alla sua seconda più grande passione, la pesca. Alla ricerca sempre di nuovi metodi per conservare il suo bottino di pesca fresco fino alla cottura, si imbatte in una fonte di acqua fresca in una valle nascosta dalla vegetazione nella periferia di Minneapolis. L’intento di Fruen era quello di portare l’acqua della fonte ai cittadini di Minneapolis e, dopo aver ricevuto il no alla sua proposta da parte del comune di Minneapolis, decise di far da sé unendo le due passioni.

Dunque nacque il primo distributore automatico. Non era bello e tecnologico come i moderni distributori, ma funzionava alla perfezione. Per solo un cent si poteva avere una razione prestabilita di quell’acqua. Ma come funzionava? Inserito il cent il peso della moneta faceva scattare un meccanismo che permetteva al macchinario di rilasciare un determinato quantitativo di acqua.

× Come possiamo aiutarti ?